Balcani cicloccidentali

Ecco un altro suggerimento per una vacanza a pedali…noi ci siamo mantenuti sulla costa però! Si tratta della nostra prima sperimentazione: da Spalato a Budva, passando per il piccolo tratto di costa bosniaca! Tre Paesi in circa 800 km a girare le zampette. La strada quasi non si può sbagliare: una costiera lunghissima a picco sul mare, andando verso sud. Le salite sono dolci e collinari, affrontabili senza bisogno di rianimazione a fine giornata! Effettivamente è possibile partire senza pensarci troppo e migliorare il rapporto con le due ruotine strada facendo.

287

Vi racconteranno che le strade non sono sicurissime…è vero che un po’ di traffico c’è, qualche autobus vi sfreccerà vicino soprattutto sulla costa croata, l’asfalto è costellato di piccole buche…ma dopo qualche giorno ci farete l’abitudine e man mano che scenderete la situazione migliorerà!

Ci sono anche tanti cicloviaggiatori, con storie che vale sempre la pena di ascoltare. Il percorso potrebbe infatti allungarsi verso oriente, dipende sempre dal tempo a disposizione. Noi abbiamo incontrato viaggiatori al ritorno dalla Turchia, diretti verso il nord della Francia o verso la Polonia…si può dire che erano nella parte più rilassante del viaggio!

La costa sud della Croazia è stata una splendida sorpresa. Immaginavo fosse ipeturistica, con un mare simile al nostro…niente di tutto ciò! Il mare vi stupirà, niente hotel a costellare il paesaggio e qualche tratto di pura desolazione!

751

Per arrivare in Montenegro, invece, potete scegliere tra due alternative: strada di mare oppure di monte. Noi le abbiamo sperimentate entrambe…a causa mia! All’andata, infatti, non ho avuto il coraggio di buttarmi nel salitone verso il monte…inutile dirlo, era un tentativo di risparmio energetico! Ora, il percorso via mare attraversa colline interminabili e continua a salire e scendere per minuscoli paeselli arroccati in cima ai rilievi!Una fatica splendida ma intensa, che si conclude con una lunga discesa verso la Baia di Kotor!

Il percorso via monte è molto più leggero: si sale un  po’ e poi prosegue in alto, senza troppi strappi! Lo abbiamo fatto al ritorno, quando ormai non avevo paura di niente, i km mi avevano temprata e dato un bel po’ di fiducia nelle mie potenzialità.

Si apre quindi un nuovo capitolo del blog!

362

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...