Creta in Bici. Cosa portare? Per dormire..la tenda

Veniamo all’essenziale: riposare bene. Uno degli elementi più importanti per godersi il viaggio è dormire come si deve. Non tutti, però, potranno permettersi un hotel di lusso, qualcuno nemmeno una stanzetta. Noi che si voleva stare via parecchio, quando abbiamo viaggiato in bici ci siamo fatti un mese intero di campeggio. Per rendere calde e comode le notti all’aperto basta poco in realtà, ma tutto quello che segue è da tenere in considerazione.
IMG_20141002_174102La camera da letto consta di sacco a pelo, sacchi cuscino e materassini tipo yoga arrotolabili, da fissare fuori dalle borse con le corde elastiche. Il sacco a pelo adatto in primavera andrà bene anche in estete. I sacchi cuscino sono fantastici, leggerissimi e dovete solo pensare a riempirli bene. Io ci mettevo l’abbigliamento previsto per il giorno dopo e il pile. Vi assicuro che era meglio del cuscino-sottiletta che ho nella mia stanza! I materassini sono un altro espediente indispensabile. Se il terreno è troppo sassoso un po’ si sente, ma senza sarebbe un inferno! Metteteli in un sacco di plastica per trasportarli o saranno ridotti a una schifezza e dormirete nel fango!
Naturalmente manca ancora la stanza da letto: la vostra tenda! Come sceglierla? Ovviamente light, compatta e di materiale resistente. Paleria-struttura in alluminio, e portatene segmenti di emergenza per sostituirli. Io uno l’ho rotto, squarciando la tenda!! Abbiamo fatto una riparazione del telo con il nastro americano, che ha fatto benissimo il suo dovere; avere due pali di sostituzione però è un buon accorgimento! Portate anche dei gancetti in plastica che fissano il telo ai batecchi, se usate la tenda tutti i giorni e non è più nuovissima anche quelli capita si rompano. La nostra Ferrino Chaos rimane insostituibile: leggera, facile da montare, pratica da smontare, spaziosa. Noi abbiamo quella da due e io pensavo fosse da tre! Beh, riflettendoci tre sacchi a pelo sarebbero strettini, ma in due con i bagagli ci si sta una meraviglia!

Dopo il quinto viaggio, monta-smonta tutti giorni, qualche “piccola” riparazione e ancora sopravvive! Pensate anche al telo in plastica da mettere sotto la tenda per non lasciar passare l’umidità. Noi usiamo un telo preso da un ferramenta, piegato a misura e fissato con la spillatrice. I picchetti della tenda è possibile che dobbiate sostituirli con una tipologia più resistente che non si piega al primo uso e che penetra in tutti i terreni, perché in genere nelle tende superleggere vi daranno quelli in alluminio: leggeri sì, ma praticamente inutili. Il martello in gomma funzionerà ugualmente! Per una tenda così calcolate circa 200 euro ben spesi.
Questa formula è stata testa in parecchi viaggi e funziona perfettamente, sia dal lato praticità che dal lato confort!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...