Sulla rotta per Creta: Patra-Corinto-Atene in bicicletta

IMG-20150313-WA0003[1]

In viaggio…

Se una volta sbarcati a Patra decidete di arrivare ad Atene in bici iniziate a pedalare mettendo in conto che l’uscita dalla città è lunga e noiosa. Inoltre in questo periodo ci sono dei lavori che vi confonderanno un po’ le idee, ma non demordete! Fermatevi ad osservare il lungo ponte di Rio, che avrei voluto attraversare ma mi è stato impedito (comunque è a pedaggio per le auto)!
Dove arrivare dipende dall’ora di sbarco, noi in ogni caso non abbiamo mai dormito a Patra ma sempre campeggiando nei dintorni.

Un campeggio molto bello, a 25 km in direzione Corinto, è a Lampiri. Terrazzato, con spiaggetta sassosa, alberi e tanta pace! Non troverete supermercati nelle immediate vicinanze, ma potrete mangiare qualcosa cucinato dai proprietari anche se avranno già chiuso il ristorante. A noi è successo così, ci siamo giunti sulla via del ritorno, in serata, affamati dopo 100 km a girare le zampette! Ci hanno lasciato il tempo di montare la tenda e fare una doverosa doccia prima di portarci una cena con menu a sorpresa, buonissima (anche se io che non mangio carne ho dovuto donare al mio cicloavventuroso amore i chili di ragù della pasta! Si sa che in viaggio ci si deve adattare e saper apprezzare!).

IMG-20150307-WA0025[1]

Una vista dall’antica Corinto

A proposito di camping: fatevi dare la mappa camping della Minoan che da diritto ad uno sconto presso i numerosi campeggi convenzionati (due a Creta) e ad un premio in lattine di birra ellenica!
Sull’isola c’è una mappa camping diversa che ugualmente offre uno sconto e su dei prezzi già buoni è un bell’incentivo a dormire a contatto con la terra. Potete chiederla al primo campeggio cretese, se non vi sarà proposta come è accaduto a noi.

Le tappe in bici poi dipenderanno da voi, dalle vostre gambe e da cosa vi interessa sul percorso. Nonostante la vostra meta finale sia Creta, per cui avrete certamente già una buona cartina (io consiglio le due cartine Creta est e Creta ovest, con il percorso E4, dettagliate e piuttosto precise), investite 10 euro nell’acquisto della mappa. Vi sarà utile anche se avete uno smartphon sempre connesso, ve lo assicuro!
Sappiate che Corinto, per quanto piccina, merita una sosta, sia la vecchia che la nuova. La vecchia Corinto, da raggiungere a piedi, è un buon modo per iniziare a calarsi nel clima torrido e nell’ambiente stratificato da molteplici culture!! Inoltre, se avete tempo, potete farvi a piedi i 6 km che seguono la lunghezza del canale di Corinto, attraversando il ponte pedonale di ferro che è circa nel mezzo e osservare da una discreta altezza qualche imbarcazione passare. Il percorso attraversa una specie di discarica abusiva e potrebbero esserci cani, ma rimane molto suggestivo e noi ci siamo divertiti. Offre la possibilità di osservare le abitudini degli abitanti che lo usano quotidianamente in motorino, evitando la più affollata strada principale.
Il campeggio vicino all’antico sito, nella zona di Lecheo, è ben indicato e i gestori sono davvero accoglienti. Noi ci siamo stati tornati due volte e si sono ricordati di noi! Se già avrete finito il vostro libro sul traghetto, avrete modo di cambiarlo con un altro che sceglierete dalla piccola biblioteca a disposizione dei viaggiatori. Per me c’era nulla in italiano e ho scelto un bel giallo in francese; le altre lingue, neanche a dirlo, erano il tedesco e l’inglese.
Corinto-Pireo è lunghetta, sono più di 90 km, perdendosi intorno al porto come noi! Però è quasi piatta e noi eravamo piuttosto in forma. I campeggiatori ostinati la potranno in ogni caso spezzare in due tappe! Intorno a Corinto, neanche a dirlo, ci sono lavori, deviazioni di una superstrada zeppa di camion e si deve fare la massima attenzione.

Il peggio però è la lunga strada, inevitabile, che inizia ad Efesina e vi porta a pochi km dal porto: una quattro corsie trafficatissima, senza marciapiede e priva di alternative. Inutile dire che io ero un blocco di marmo, pedalavo lentissima e ad ogni auto che mi superava mi sentivo una sopravvissuta!! Il cicloavventuroso che era con me si è mostrato più coraggioso, mentre io mi fermavo ad ogni benzinaio per cercare di capire se veramente non ci fosse un’alternativa. Calcolate che, anche se sono pochi km, vi faranno perdere tempo e salute mentale!

IMG-20150313-WA0005[1]

dal traghetto

Quando finalmente sarete al Pireo potete direttamente fare il biglietto nei baracchini all’entrata, oppure nei negozi delle varie compagnie che ci sono sullo stradone. La modalità è la stessa: sconto sul ritorno se preso subito, possibilità di data aperta. La traversata è di circa otto ore, gli orari variano quindi controllateli prima via internet. Noi siamo partiti con l’ultimo traghetto alle 22 e arrivati con un’alba mozzafiato! La scelta dipende anche da dove preferireste sbarcare. Vi consiglio Chania, vecchia città veneziana, buona base per partire con un giro seguendo la costa verso ovest.

Annunci

Creta: come arrivare…traghetto mon amour

IMG_20140911_141658

Hania

Come potete immaginare parliamo di un posto che se volete potrete raggiungere in aereo. In bassa stagione le compagnie low cost vi tireranno nella schiena i biglietti per Iraklion e nulla vieta che decidiate di approfittare dell’occasione. Questo è consigliabile se non avete troppo tempo a disposizione e non vi portate un carico pesante come una bicicletta e tutto il necessario per vivere in due saccocce da attaccarci al portapacchi.
Se invece, come il mio compagno di viaggio e me, vi siete presi tempo e volete essere autonomi negli spostamenti escludete l’aereo e optate per il traghetto: l’avventura è assicurata! Un motivo, quello essenziale, è l’aspetto romantico del lento, lentissimo, avvicinamento via mare, che vi costerà tra i due e i cinque giorni.
Un altro è il costo del trasporto biciclette in aereo, che prevede, oltre al biglietto per il viaggiatore e quello della bicicletta, il bagaglio in stiva e l’acquisto obbligatorio di una sacca per il vostro biciclo. Certo, la sacca rimane per il viaggio successivo, come suggeriva il mio compagno d’avventura, ma lo stress e la responsabilità di montare e smontare la bici, se non siete esperti io ho preferito evitarla. C’è da dire che il traghetto è il mio mezzo di trasporto preferito e non mi pesa passarci dodici ore ciondolando sul ponte con un libro e la settimana enigmistica!
Ulteriore motivo a favore è la possibilità di lasciare aperta la data di rientro, conservando lo sconto sul ritorno se prenotato insieme al biglietto di partenza. Dovrete solo rientrare entro un anno, avete tempo per organizzare il percorso, decidere di allungare le vacanze, rientrare quando siete al verde o di scappare alle prime difficoltà!

Bici in stazione!

Bici in stazione!

Il percorso è semplice ma si deve fare attenzione agli orari e non programmare improbabili coincidenze. Dall’Italia avete partenze da Trieste, Venezia, Ancona e Bari per Patrasso. Noi siamo partiti da Ancona nel pomeriggio, prendendoci tutto il tempo per raggiungere il porto, mettendo la bici sul treno e cambiando la prima camera d’aria dopo qualche km di pedalata verso la stazione!
La bicicletta viaggia al costo di 3 euro sui treni regionali, nelle Marche è gratis. Fortuna vuole che anche in traghetto la bici sia trasportata gratis, la lascerete nel garage, legata dove vi indicheranno e la ritroverete sana e salva!

IMG-20150312-WA0004[1]

pasto del viaggiatore

In un viaggio avevamo scelto Minoan, per il secondo abbiamo scelto Anek e devo dire che entrambi i viaggi sono stati perfetti! Durante il viaggio le compagnie vi offriranno i loro confort…ma vi consiglio di portarvi scorte di cibo da casa. Godetevi l’ultima scatoletta di tonno, sull’isola costa più del pesce fresco!

IMG-20150312-WA0010[1]

Letto!

Noi avevamo il posto ponte, dunque la situazione è la seguente: dovete stare sul ponte soprattutto se il traghetto è affollato. In un periodo di poca affluenza però nessuno mi ha cacciata dal morbido pavimento vellutato della sala poltrone, dove avevo steso il sacco a pelo. Stando sul ponte, comunque, si gode di uno spazio riparato, senza correnti d’aria che non mi ha fatto patire il freddo nemmeno in una piovosa notte di ottobre!Quindi, se volete risparmiare ed è estate, il posto ponte è la miglior scelta! Inoltre inizierete a conoscere i vostri vicini di panca o pavimento, potrete fare una doccia, chiacchierare fino a tarda notte e se è ancora tempo usare la piccola piscina.

Giunti a Patrasso (o meglio Patra, ormai siamo in Grecia!) dovrete raggiungere Atene per prendere un secondo traghetto per Creta. Vi si pongono quindi due possibilità: arrivare ad Atene in autobus al costo di 20 euro circa a persona + 5 per ogni bici, oppure iniziare a pedalare. Se scegliete il bus sappiate che la stazione autobus è vicino al vecchio porto, e voi sbarcherete al nuovo; quindi camminate o pedalate per un paio di km in direzione del centro (all’uscita del porto prendete a sinistra), arrivati al porto vecchio è vicinissimo ma domandate. Da Atene al Pireo, dov’è il porto, basterà prendere la metro e imbarcarvi in direzione Iraklion o Chania. Calcolate bene i tempi, o pensate ad una notte ateniese, approfittandone il giorno successivo per visitare un po’ la città prima della partenza dopo il tramonto.

Per chi vuole scegliere di fare la pedalata Patra-Pireo, ci aggiorniamo al prossimo post.

IMG-20150312-WA0002[1]

Creta a piedi. Cosa portare? Abbigliamento

DSCN0692Pensiamo ora a cosa portarci se abbiamo intenzione percorrere gran parte dell’isola a piedi, magari con qualche incontro-autostop risposante. Dobbiamo avere un equipaggiamento con l’ovvia e principale caratteristica della leggerezza! Questo non deve però limitarci nel quotidiano: tutto quello che serve deve essere con noi, sulle nostre forti spalle, pronto ad ogni evenienza. Se siete degli esperti trekkingosi salterete sicuramente la parte abbigliamento, ne avete da vendermi! Se siete esperti viaggio-camminatori avete il vostro kit sperimentato ma sarete curiosi…

 
Il primo step è pensare allo zaino. Questa è una delle spese da mettere in conto prima di partire: dieci ore zaino in spalla sono faticose anche per un culturista, quindi abbiate cura della buona qualità di quello che scegliete. Non puntate al risparmio, se saprete fare un buon acquisto vi sarà utile anche per i vostri viaggi successivi e finirà per sostituire la vostra valigia a rotelle nei week-end nelle capitali europee! Io mi sono affidata ai consigli del mio compagno prima di partire per il cammino di Santiago, non che fosse esperto di viaggi ma è appassionato di accessori e attrezzature da viaggio e campeggio. Insomma, le informazioni di questo post le devo a lui!

Io ho optato per un 35 litri, da donna, di un’ottima marca. L’ho trovato in sconto a 85 euro ed è stata la mia salvezza. Resistente ai miei lanci a terra ad ogni pausa, areato sulla schiena, ben suddiviso e con elastici regolabili per adattarsi al corpo. La suddivisione è importante: tasca superiore e accesso inferiore, due grandi vani laterali, una tasca interna impermeabile. Questo permette di prendere quello che serve al momento senza estrarre ogni volta il contenuto. Per esempio, io metto in basso la giacca da pioggia e la cover dello zaino, in modo che dall’accesso inferiore sia facile da recuperare quando inizia un acquazzone.

 
foto spagna 083Il secondo punto importante sono le scarpe e i calzetti. Stiamo parlano del sostegno di tutto il vostro peso per giorni: i piedi devono essere comodi e protetti, senza morire di caldo. La scelta dipende anche dal tipo di percorso e in questo caso sarà misto: asfalto, sentiero, alle volte forse anche un po’ di roccia rosso creta. Quindi vi serve una scarpa alta sopra il malleolo, che protegga anche la caviglia, ma non eccessivamente rigida altrimenti soffrirete sulle strade asfaltate. Io avevo un paio di trekkers per bambino, ho un numero piccolo, che sono state perfette ma ho consumato velocemente. Oggi uso un modello da donna, più resistente ma altrettanto morbido e protettivo. Si tratta di un altro buon prodotto, che in saldo vi costerà come lo zaino. Se sapete già cosa volete, soprattutto le avete già provate, potete fare comprarle online. I calzini dovranno essere specifici, con i rinforzi e non troppo alti. Io ne avevo tre paia, due media lunghezza e uno alto più pesante, per il freddo dei monti. Si tratta di un altro prodotto da curare, aiuta a prevenire le vesciche che potrebbero rallentare il cammino!! La cosa più importante è comprare scarpe e pedalini almeno un mese prima e indossarli spessissimo: devono prendere la forma del piede. È possibile avere qualche piccolo fastidio i primi giorni, non preoccupatevi! Se la scelta è stata buona con l’uso la situazione si sistemerà. È per questo che non devono essere indossate la prima volta in viaggio!
Il resto del mio abbigliamento consiste in:
-due magliette di cotone a manica corta, ogni sera lavo quella usata di giorno;
-una di cotone a manica lunga, per le sere ventose in spiaggia;
-un pile, per le tappe nei monti;
-un pantalone corto e uno lungo trasformabile in corto, così è come fossero tre da lavare spesso;
-due reggiseni e tre mutande…anche qui il sapone di marsiglia si consuma!
-un paio di infradito (sostituite ad oggi da sandali da trekking che uso anche per fare la doccia!);
-giacca a vento da pioggia, leggera ma efficace.
L’essenziale, che distruggerete per il troppo uso, è il costume da bagno!!! Non che non ci siano spiagge solitarie (o preposte) dove potete farne a meno!

Creta. Quando e cosa leggere

DSCN0519Noi abbiamo scelto il mese di settembre per intraprendere il viaggio a Creta: un inizio mese caldo e ventoso, una fine più tenera e poco piovosa. Il consiglio è di godervi la parte marina e montuosa, le escursioni e i siti archeologici all’inizio del viaggio, per scoprire a fine viaggio le tre splendide città, tutte a nord, ben collegate dagli autobus e zeppe di attività culturali. Questo sia per il tempo, sia perché dopo aver vissuto l’isola visiterete i musei con più consapevolezza e conoscenze, rendendoli un’emozione molto più forte che vi aiuterà a fissare i ricordi.
Se avete le vacanze in pieno agosto sappiate che le temperature sono furenti!! Certo, l’isola è ventosa, ma non basta! Anzi…pedalare controvento può mettere alla prova le zampe. Mettete in conto che dalle 13 alle 16 camminare e pedalare potrebbe essere improponibile, partite un po’ prima e fermatevi a riposare, in spiaggia o in qualche sito archeologico!

IMG_20140918_094218

Lettura preparatoria per me è stata Lo scalino d’oro. Viaggio a piedi nel cuore di Creta. Un’ottima lettura, semplice e coinvolgente. Devo confessarlo, la scelta di partire a piedi è arrivata dopo aver scovato questo libro ed aver cominciato a documentarmi sul percorso E4. Utilissima per entrare nell’atmosfera, anche se giungere al tanto agognato monastero per me non ha avuto l’effetto atteso. Forse perché non era l’ultima tappa del viaggio, forse perché avevo troppe aspettative che, si sa, alle volte mitigano il piacere della sorpresa… Valeva però il cammino fatto per giungere a visitarlo!

Creta. L’isola che racchiude tutti i mondi possibili

DSCN0430

vista da Polirinia antica

 

L’isola di Zorba il Greco non è solo archeologia e antichi sassi! Per me, lo ammetto, le vecchie pietre sono state una bella spinta a partire, poi lo stimolo a tornarci una seconda volta. Non è stata solo l’atmosfera secca e dionisiaca, non è stato il mare indiscutibilmente meraviglioso, non è stata la promessa di vero yogurt greco con autentico miele e nemmeno l’ambiente allegro un po’ sfattone di quel che resta della vita hippy: c’era anche il pensiero di raggiungere Festo a piedi cotta dal sole!

La prima volta infatti è stato un viaggio a piedi, sognando sul sentiero E4, per poi deviare; la seconda in bicicletta, sperando di non lasciare un polmone su qualche scogliera mozzafiato. Entrambi i viaggi si son fatti via via più avventurosi, per una ragazza cittadina come la sottoscritta! Per fortuna ad accompagnarmi c’era il miglior avventuroso che potessi trovare. In mezzo a caprette, sassi e cespugli spinosi abbiamo scoperto piccoli angoli di un mondo denso che non avrei potuto immaginare prima. Iniziamo a capire perché ritengo che sia un posto tanto magico.

DSCN0774

spiaggia di Hora Sfakion

Innanzitutto per gli abitanti. Si tratta di persone animate dallo spirito dei monti e di grande apertura e ospitalità. A Creta non cercheranno di farvi trappole economiche, non vi daranno cibo per turisti se non sarete voi a cercarlo e non vi rifiuteranno mai un sorriso davanti a qualunque stramba richiesta. Vi offriranno da bere e vi faranno divertire! Anche gli specialisti del turismo, e sono tanti dato che è una delle attività che assorbe l’isola nella bella stagione, cercheranno di farvi vivere al meglio il periodo che trascorrerete con loro. Certo, dovrete calarvi nel loro ritmo lento, cambiare gli standard delle vostre pretese e aprirvi alla comunicazione (in quasi-inglese, quasi-italiano, greco che non si sa come riuscirete a capire..!). Se non siete predisposti, scegliere un buon hotel e affittare un’auto fuori dall’aeroporto vi consentirà di trascorrere una settimana piacevole sull’isola. Se avete voglia di conoscere l’anima del posto, spostatevi con i mezzi pubblici, i piedi, una bicicletta, affittate motorini scassati e dormite in campeggi che vi sorprenderanno o in stanzette messe in affitto dagli autoctoni. 

È di quest’ultima modalità di viaggio che vi racconterò nei prossimi post. Vedremo come arrivare, dove dormire, cosa mangiare, cosa portare, dove andare, quali spiagge scegliere, come spostarsi, cosa evitare e come passare le serate se vi rimane energia!